Home Decor

Home decor: come scegliere e posizionare i quadri

E’ meglio un quadro grande o più quadri piccoli? In alto o in basso? A colori o in bianco e nero? E quali soggetti scegliere? Sono queste le domande che spesso ci poniamo quando intraprendiamo la decorazione delle pareti della nostra casa.

Ecco alcune regole e suggerimenti su come disporre i quadri alle pareti.

non è necessario che i quadri siano tutti dello stesso stile o genere come  Non è importante la quantità di quadri, quanto il giusto equilibrio tra pieni e vuoti.

Quindi possiamo scegliere di avere un unico grande quadro oppure una serie di piu piccoli. Questi possono avere stili diversi, avere lo stesso colore o la stessa cornice, sono tante le scelte possibili ma poi come posizionarli?

Solitamente l’allineamento orizzontale lo si adotta laddove la parete sottostante è occupata da mobili o divani, al contrario l’allineamento verticale solitamente lo si adotta per incorniciare una intera parete, in formazione speculare o asimmetrica.

Un quadro va posizionato in modo da risultare sempre ben visibile all’osservatore. In linea generale, la regola è disporre i quadri a 5/8 di altezza della parete. Ovviamente, bisogna considerare anche la tipologia di quadro e la grandezza dell’ambiente, da cui dipenderà la distanza a cui si posizionerà l’osservatore

Una fila di quadri, per dare una sensazione visiva gradevole, deve essere allineata.

E’ possibile allineare i vari elementi sul loro lato più basso, su quello più alto o sulla loro linea mediana. Un effetto molto elegante si ha quando le stampe sono allineate anche ad un altro elemento di arredo: lo stipite superiore di una porta, la fine di una mensola o il bordo di un divano. E’ importante, comunque, che i quadri più grandi siano alle due estremità della fila, se di dimensioni diverse, e che la distanza fra i vari elementi sia uniforme. Analogamente, queste regole possono essere applicate anche alla disposizione verticale.

Per pareti strette, come quelle di un ingresso, fra due finestre o vicino a una porta, è possibile utilizzare stampe verticali che riempiano lo spazio, mantenendo al contempo l’armonia geometrica con lo spazio circostante.

In definitiva abbiamo tre modalità di composizione: quella lineare, quella geometrica o il quadro isolato.

I rischi sono due: si può collocare un quadro piccolo in una parete troppo grande o al contrario si può appendere un dipinto molto grande in un muro di piccole dimensioni. Uno squilibrio nella posizione distrae completamente dalla bellezza dell’opera d’arte.

Un quadro che occupa tutta la parete non valorizza l’immagine. Colloca la tela al centro del muro stando attento a lasciare un po’ di spazio tutto intorno.

Spero che questo articolo ti sia stato utile. Condividilo e metti mi piace!

Continua a seguirmi e a rimanere aggiornato sui prossimi post!

Seguimi sui social Twitter Facebook e Instagram!

Lascia un commento